Anno nuovo, marketing nuovo: i trend per il 2020

Come ogni anno il mondo digitale ci riserverà molte sorprese e, come ogni anno, i marketers sono già pronti per iniziare la corsa alla migliore strategia da utilizzare per il loro brand. Certo, ci vuole tempo per capire se una campagna ha avuto successo davvero o se è stata solo una bolla, così come ci vuole tempo per definire la strategia giusta per un’azienda. Ci sono però alcune tendenze dettate dall’interesse dal pubblico che è meglio conoscere e analizzare per affrontare meglio il mondo digitale nel 2020.

Un uso social più sociale

Anche se sembra un gioco di parole in realtà rappresenta la verità: sempre più spesso si sente parlare di digital detox ed educazione digitale. Questo perché gli utenti del web si sono decisamente stancati di essere costantemente bombardati da contenuti trash e clickbait, di essere vittima d’odio e bullismo. Naturalmente i social network rimangono ancora una delle forme di comunicazione – e informazioni – più utilizzate al momento, e proprio per questo le aziende puntano a creare contenuti di qualità, personalizzati a misura dell’utente, interessanti e che non sia invasivo.

Usare Micro e Nano Influencer

Esperienza e personalizzazione dunque sono al centro delle nuove strategie di marketing ed è per questo che sempre più spesso sono le storie comuni al centro dell’attenzione. Certo grandi influencer e grandi star hanno ancora il loro peso nelle campagne pubblicitarie, ma le piccole-medie aziende si basano sempre più sull’esperienza e il racconto dei loro stessi o di quelli che vengono chiamati micro e nano influencer, con una cerchia ristretta di persone da contattare ma molto più reali.

Video e ricerche vocali

L’avevamo già capito con il successo di Tik Tok e le Stories di Instagram: i video brevi, divertenti, colorati sono all’ordine del giorno. In generale, i contenuti grafici colorati, di impatto immediato e con informazioni assimilabili in pochi istanti sono la tendenza del momento, e tra questi i video sono di certo i protagonisti.

Non solo video: i contenuti si stanno adattando sempre più alle ricerche vocali. Con il diffondersi degli assistenti vocali nelle case e anche l’utilizzo delle ricerche vocali negli smartphone, anche la struttura dei siti web sta cambiando, ottimizzandosi proprio per questa tipologia di ricerca: breve ed essenziale.

AR e VR

E non possono ovviamente mancare le nuove tecnologie come realtà virtuale e realtà aumentata. Proprio queste innovazioni danno spazio creativo ai marketers: scannerizzando un codice si può attivare sul proprio smartphone abilitato all’augmented reality e guardare da un’altra prospettiva il prodotto desiderato: questa tecnica è già stata applicata da Ikea nel suo catalogo ad esempio. E saranno sempre di più le possibilità offerte ai consumatori grazie a queste tecnologie: un tour virtuale di un supermercato e naturalmente sempre più videogiochi!

Privacy e lotta alle fake news

Un’altra tendenza per quest’anno – legata sempre alle precedenti – è il recupero appunto della fiducia degli utenti. Negli ultimi anni i grandi scandali tech hanno colpito tutta la rete, a partire dalle violazioni della privacy e finendo con le fake news. Quest’anno la priorità è ridare una connotazione positiva e naturale ai contenuti sul web. L’attenzione poi si è spostata anche sulla privacy, e sempre più utenti del web prendono provvedimenti per capire dove finiscono i propri dati e come proteggerli. La libertà di internet, la possibilità di navigare online senza che nessuno ci spii o ci controlli è diventata una priorità, tant’è che molti utenti iniziano ad usare strumenti di cybersecurity come le VPN, molto utili anche per sbloccare Facebook e altri social.

Si prospetta un 2020 carico di contenuti interessanti, e il vostro brand è pronto?

Share Post :

Altri interessanti articoli!

Lascia un commento