Inserzioni di Facebook. Come funzionano?

Inserzioni di Facebook, cosa sono?

Chi si trova su questo sito probabilmente già conosce l’argomento di cui trattiamo oggi ma magari, qualcuno di voi si è solo incuriosito e non sa affatto di cosa stiamo parlando e, allora, è giusto partire dalle basi.

Facebook è un Social Network completamente gratuito… ma siamo sicuri?

Prima o poi a noi tutti è balzata per la mente questa domanda: “Mark Zuckerberg come è diventato miliardario con un social network gratuito?“. Ecco se vi site fatti questa domanda probabilmente continuerete a leggere questo articolo con ancora più interesse.

In realtà, il social network più conosciuto sul pianeta, non è completamente gratuito per gli utenti; certo lo è se pensiamo a un pagamento monetario; non stiamo dando infatti un centesimo al genio della Silicon Valley ma gli stiamo fornendo qualcosa di molto prezioso!

A me, per esempio, piace la musica rock, mi piacciono i libri, sono molto interessato al web marketing e tante altre cose… ma soprattutto i libri. Ecco questa è una delle cose che sto donando a Facebook. Sembra poco? Allora approfondiamo la questione e scopriamo come funzionano le inserzioni di Facebook.

Le nostre informazioni sono moneta!

Mettiamoci nei panni di un inserzionista. Magari nei tuoi panni: imprenditore bolognese, proprietario di un negozio che vende stagionalmente pellet all’ingrosso.

Essendo tu situato nella zona di Bologna vuoi pubblicizzare la tua attività ma sai bene che ciò che più ti conviene è vendere a chi ti è più vicino; il peso e l’ingombro dei pellet fanno lievitare i costi di stoccaggio e trasporto.

Per questo motivo se devi pubblicizzare i tuoi prodotti e i tuoi servizi preferiresti farlo attraverso un media capace di colpire una fetta di mercato che soddisfi il requisito fondamentale della distanza.

Torniamo allora alle inserzioni di Facebook e a come possono aiutarci. Il titolo del paragrafo parla chiaro, le nostre informazioni sono denaro e come Facebook può utilizzarle nell’esempio appena descritto?

Semplice! Facebook ti proporrà, oh caro imprenditore bolognese, di raggiungere con la tua inserzione solo le persone che vivono nella zona che tu hai deciso essere importante per la tua attività; riesci a immaginare come?

Esatto! Quando ci iscriviamo ai social network forniamo informazioni fondamentali per gli inserzionisti, che le utilizzano per meglio indirizzare i propri messaggi!

Non solo la zona geografica, le inserzioni di Facebook sono molto potenti

Continuiamo ad analizzare il funzionamento delle inserzioni di Facebook con l’esempio dell’imprenditore bolognese che vende pellet.

Una volta deciso il budget per la nostra inserzione e la zona i cui vogliamo vendere, potremmo decidere di migliorare ulteriormente il nostro target indirizzando la nostra pubblicità solo a un determinato tipo di utenza, ma come?

Facebook vive con le nostre informazioni personali, ma anche delle nostre preferenze, dei nostri gusti e dei nostri interessi. Se infatti ho affermato di amare i libri, ecco che probabilmente seguirò le pagine delle mie case editrici preferite così come è probabile che acquistando una stufa a pellet seguirò la pagina del mio rivenditore e avrò fatto ricerche sui venditori del combustibile.

Se quindi stavo per acquistare un’inserzione di Facebook geograficamente ottimizzata, potrò migliorarla ancora con queste informazioni?

Certo che sì! Le inserzioni di Facebook ci consentono di definire un target in base a molte preferenze, informazioni e collegamenti in modo da restringere il potenziale pubblico raggiungibile attraverso la nostra pubblicità.

Perché restringere il target?

Una domanda che talvolta ci si pone è questa: perché dovrei limitare il numero di potenziali persone raggiungibili definendo un target più ristretto?

Per dare una risposta a questa domanda dobbiamo fare un piccolo ragionamento.

Le inserzioni di Facebook hanno un costo variabile, e questo costo dipende da moltissimi fattori difficili da individuare e in continuo mutamento; questo non ci impedisce di fare un semplice ragionamento logico.

Facebook mette a disposizione degli inserzionisti spazi pubblicitari e li mostra al suo pubblico. Quando un’inserzione di Facebook parte, il social network la tiene sotto controllo e cerca di capire come reagisce l’utenza alla pubblicità. Se l’utenza reagisce bene, Facebook assegna un punteggio alto alla vostra inserzione, viceversa viene assegnato un punteggio basso.

È logico pensare che a un punteggio alto corrisponda un prezzo basso, così come a un punteggio basso corrisponda un prezzo alto, ma cosa significa?

Significa che se la vostra inserzione non attira l’attenzione e di conseguenza l’utenza non risponde alla pubblicità, probabilmente avete sbagliato qualcosa nel crearla, ad esempio avete selezionato un target che non fa per voi, che non è interessato al prodotto, che non possiede una stufa a pellet per esempio.

Per questo motivo il prezzo aumenta, Facebook dovrà utilizzare più risorse per un’inserzione mal riuscita rispetto a un’inserzione ben definita, e quindi vi farà pagare questa differenza di qualità.

Per fare un esempio

  • Inserzione ben studiata: persone raggiunte 10 000; persone che hanno cliccato 500. Spesa € 50
  • Inserzione mal posizionata: persone raggiunte 30 000; persone che hanno cliccato 350. € 50

Nel primo caso l’inserzione di Facebok ha impiegato meno risorse per raggiungere un risultato molto positivo; nel secondo caso ha impiegato più risorse per raggiungere un risultato comunque minore.

Siete interessati alle inserzioni di Facebook?

Se questo strumento vi incuriosisce e volete saperne di più non esitate a contattarci, saremo felici di offrirvi una consulenza personalizzata e suggerirvi il miglior modo per pubblicizzarvi attraverso Facebook.

 

Contatta Too Bee Online

Share Post :

Altri interessanti articoli!

Lascia un commento